Articolo 303 – Modifica

L’art. 303 del D.P.R. n. 43 del 1973 (Testo Unico delle leggi doganali) è sostituito dal seguente:

303. Differenze rispetto alla dichiarazione di merci destinate alla importazione definitiva, al deposito o alla spedizione ad altra dogana.

1. Qualora le dichiarazioni relative alla qualitĂ , alla quantitĂ  ed al valore delle merci destinate alla importazione definitiva, al deposito o alla spedizione ad altra Dogana con bolletta di cauzione, non corrispondano all’accertamento, il dichiarante è punito con la sanzione amministrativa da euro 103 a euro 516 a meno che l’inesatta
indicazione del valore non abbia comportato la rideterminazione dei diritti di confine
nel qual caso si applicano le sanzioni indicate al seguente comma 3.

2. La precedente disposizione non si applica:
a) quando nei casi previsti dall’articolo 57, lettera d), pur essendo errata la denominazione della tariffa, è stata indicata con precisione la denominazione commerciale della merce, in modo da rendere possibile l’applicazione dei diritti;
b) quando le merci dichiarate e quelle riconosciute in sede di accertamento sono
considerate nella tariffa in differenti sottovoci di una medesima voce, e
l’ammontare dei diritti di confine, che sarebbero dovuti secondo la dichiarazione, è
uguale a quello dei diritti liquidati o lo supera di meno di un terzo;
c) quando le differenze in piĂš o in meno nella quantitĂ  o nel valore non superano il
cinque per cento per ciascuna qualitĂ  delle merci dichiarate.

3. Se i diritti di confine complessivamente dovuti secondo l’accertamento sono
maggiori di quelli calcolati in base alla dichiarazione e la differenza dei diritti supera il cinque per cento, la sanzione amministrativa, qualora il fatto non costituisca piÚ grave reato, è applicata come segue:
o per diritti fino a 500 euro si applica la sanzione amministrativa da 103 a 500 euro;
o per i diritti da 500,1 a 1.000 euro, si applica la sanzione amministrativa da
1.000 a 5.000 euro;
o per i diritti da 1000,1 a 2.000 euro, si applica la sanzione amministrativa da
5.000 a 15.000 euro;
o per i diritti da 2.000,1 a 3.999,99 euro, si applica la sanzione amministrativa
da 15.000 a 30.000 euro;
o oltre 4.000, si applica la sanzione amministrativa da 30.000 euro a dieci
volte l’importo dei diritti.

Annunci

L’OBBLIGAZIONE TRIBUTARIA DOGANALE

l’imposta è la prestazione pecuniaria dovuta allo stato o ad un altro ente pubblico, per il suo fabbisogno finanziario. Quindi l’imposta è un prelievo coattivo attuato dallo stato. Fra lo stato e i contribuenti servono reciproci legami che formino il contenuto di un particolare rapporto giuridico che è il rapporto di imposta, il cui contenuto è il debito d’imposta. I suoi elementi costitutivi sono i soggetti (attivo e passivo) il presupposto e l’accertamento. Questi sono i concetti generali del rapporto d’imposta, che si articola in aspetti diversi per quanto riguarda l’ordinamento doganale. Tra le diverse situazioni passive che costituiscono il contenuto del rapporto doganale, particolare rilievo viene dato all’obbligo del pagamento dei tributi da parte del soggetto passivo. Questo obbligo costituisce la cosiddetta obbligazione tributaria doganale(art.34-39 t.u.l.d.). Il presupposto per l’obbligazione tributaria è: per le merci estere la destinazione al consumo nel territorio doganale italiano, per le merci nazionali o nazionalizzate, invece, presupposto dell’obbligazione tributaria è la loro destinazione al consumo fuori dal territorio doganale, cioè all’estero. Il sorgere dell’obbligazione è collegato all’esistenza di una dichiarazione, infatti l’obbligo del pagamento dei diritti nasce alla data di accettazione apposta sulla dichiarazione dall’ufficio doganale. Il presupposto tributario trova due limiti spaziali che lo precisano: la linea doganale, formata dalla linea di confine con gli altri stati e dalla linea del mare; il territorio doganale, comprensivo del mare territoriale e dello spazio aereo sovrastante il territorio statale. Il soggetto passivo del rapporto doganale è colui che trovandosi in una particolare posizione nei confronti di una merce, il cui movimento attraverso la frontiera è suscettibile di controlli e di vincoli doganali, è sottoposto ai poteri dell’amministrazione doganale, poteri in forza dei quali il soggetto è tenuto a determinati comportamenti. È quindi la posizione nei confronti delle merce, e non la effettiva proprietà di essa, che crea nel soggetto passivo gli obblighi che scaturiscono dal rapporto doganale. Quindi il termine proprietario che viene usato ha un significato diverso da quello tradizionale. Proprietario è colui che presenta la merce alla dogana, oppure la detiene al momento del passaggio della linea doganale. Quindi sono obbligati al pagamento dell’imposta sia il proprietario, sia tutti i soggetti per conto dei quali la merce è stata importata o esportata. Oggetto dell’obbligazione tributaria doganale è il pagamento di determinati tributi, i diritti doganali. Questi sono i diritti che la dogana è tenuta a riscuotere in forza di una legge, in relazione alle operazioni doganali. L’accertamento doganale è un procedimento amministrativo costituito da più fasi, con il quale gli organi doganali verificano il sussistere di determinate condizioni e l’adempimento, da parte del proprietario della merce e le formalità prescritte dalla legge. Per l’introduzione di merci estere nel territorio doganale, la loro circolazione e la loro immissione in consumo. Glie elementi per determinare l’accertamento in base alla legislazione doganale sono quattro. La quantità, la qualità, l’origine e il valore imponibile della merce. La quantità costituisce uno degli elementi di identificazione delle partite di merci oggetto dell’accertamento doganale. Alla qualità della merce è legata l’applicazione di tutte le numerose disposizioni che regolano il movimento delle merci da e per l’estero(tariffa doganale). L’origine è importante ai fini dei differenti regimi tariffari nei confronti dei paesi esteri o a seguito dei trattati internazionali, ed è essenziale ai fini dell’applicazione dei tributi. Il valore imponibile deve essere fondato sul valore reale della merce alla quale si applica il dazio e quindi deve essere fondato sui valori arbitrali o fittizi(reg.cee 1224/80). La riscossione dei diritti si effettua presso gli uffici doganali, il pagamento può anche essere differito nei 30 g.g. successivi alla data di registrazione della bolletta doganale. Se non vengono versati i diritti relativi a bollette registrate, la dogana procede alla riscossione coattiva a mezzo ingiunzione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: