IL CONTRATTO DI TRASPORTO E LA SPEDIZIONE

Il contratto di trasporto e regolato dal codice civile (1678 c.c. e seguenti) e si conclude dal mittente con il vettore, il quale si assume mediante corrispettivo l’obbligo di trasferire persone o cose da un luogo ad un altro. La disciplina giuridica del contratto di trasporto di persone si distingue da quella del trasporto di cose. Altra distinzione viene fatta fra il trasporto terrestre marittimo e aereo. Tutta la materia è regolata da norme generali anche se sono norme che hanno particolare riguardo ai trasporti terrestri. Almeno che i trasporti aerei e navali non siano regolati da codice della navigazione. Anche i trasporti ferroviari e postali sono sottoposti alle norme del c.c. dove naturalmente non ci siano disposizioni legislative speciali. Il contratto di trasporto è un contratto consensuale, obbligatorio non solenne e bilaterale. Il trasporto di cose è anch’esso un contratto consensuale, la consegna della cosa rientra nel momento dell’esecuzione del contratto. In questo contratto assumono particolare importanza i documenti che le parti si rilasciano, il mittente, su richiesta del vettore, rilascia una lettera di vettura, che è da lui sottoscritta con tutte le indicazioni degli elementi del trasporto. Di conseguenza il mittente può richiedere che il vettore gli rilasci una ricevuta di carico, il vettore è responsabile della perdita e dell’avaria delle cose da trasportare. Il trasporto marittimo è regolato dal trasporto della navigazione. Nella stipulazione del contratto il mittente viene chiamato caricatore, mentre il vettore viene chiamato armatore, il corrispettivo dovuto dal mittente o caricatore prende il nome di nolo. Reale importanza viene assunta anche dai documenti, in particolare dalla polizza di carico rilasciata dal vettore al caricatore. Anche il trasporto aereo è regolato dal codice della navigazione regolato anch’esso da norme analoghe a quello marittimo. La spedizione è una sottospecie del mandato senza rappresentanza, è un mandato a stipulare contratti di trasporto. Quindi la spedizione è il contratto con il quale una parte(spedizioniere) assume a nome proprio e per conto del mandante l’obbligo di concludere un contratto di trasporto e compiere le operazioni accessorie(assicurazioni, imballaggio, assicurazione, etc.) La differenza con il contratto di trasporto è che mentre nel trasporto c’è l’assunzione dell’obbligo di trasportare, l’obbligo dello spedizioniere è quello di concludere per conto altrui uno o più contratti di trasporto, inoltre lo spedizioniere a l’obbligo di temporanea custodia della merce(secondo le norme del deposito), l’obbligo di assicurare le cose spedite, ed ha diritto ad una retribuzione.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: